ANNA GORBUNOVA – ” La mia vita in favore degli altri”

ANNA GORBUNOVA – ” La mia vita in favore degli altri”

3 Gennaio 2022 0 Di Viper

Bartolozzi PHYGITAL BROKER

Seconda classificata nell’ultima edizione del concorso con la fascia di GIANNI Gioielleria, si aggiudica anche il titolo di Miss EVA KANT. Ma la moda non è la sua unica passione. Scopriamolo insieme in questa breve intervista

    Incontriamo Anna sul set di un servizio fotografico nel negozio di GIANNI Gioielleria a Montecatini adornata con le preziose creazioni dei più importanti maestri orafi italiani e che ben si sposano con i suoi occhi lucenti che riflettono le tinte sfumate della pietra di luna e dello smeraldo. 

-Anna, parlaci un po’ di te…
Ciao a tutti e buon anno! Sono Anna Gorbunova, ho 18 anni e abito a Fornacette, un paesino in provincia di Pisa. Frequento il quarto anno di liceo linguistico a Pontedera, con inglese, spagnolo e tedesco. Potrei dire di avere una certa predisposizione per le lingue poiché, come credo si possa notare ho origini russe (nonostante ormai sia più italiana che altro:) Sono affascinata dalle lingue: le loro origini, i loro “consumatori” e la loro evoluzione. Insomma, le materie umanistiche in generale!
Vengo da una famiglia di artisti con mamma circense e padre direttore artistico. Fin da piccola sono stata introdotta in un mondo misto tra sport e spettacolo, avendo avuto la possibilità di provare di tutto e di più. Iniziando con la danza e il teatro, continuando con lo studio del pianoforte e del canto, passando per il nuoto e il circo, arrivando all’equitazione e il volteggio equestre!
Adesso oltre a studiare e svolgere le mie attività settimanali, insegno acrobatica ai bambini, in modo tale da offrir loro una valvola di sfogo attraverso la disciplina di un percorso aspecifico, per poi poter scegliere quale sport praticare nello specifico.
Durante la mia breve e piccola vita ho avuto l’opportunità di sperimentare il più possibile, sempre guidata e sostenuta dai miei genitori: parte fondamentale di me e del mio trascorso. Mi hanno sempre insegnato l’umiltà, la diversità ed il rispetto, la responsabilità di avere e mantenere una vita, nonostante non sia affatto rosa e fiori, ma piena di dossi. Fin da subito sono stata lasciata a pedalare senza rotelline, ma con la consapevolezza che fossero dietro di me, con le braccia aperte, pronti a prendermi in caso di caduta accidentale.
Fin dall’inizio ho sempre sentito questo bisogno di aiutare le persone, chiunque esse siano. Poiché tutti necessitiamo di una guida ed una seconda possibilità. Per questo da qualche anno, ho iniziato a collaborare con associazioni di volontariato, soprattutto con i bambini, i quali si meritano la totalità dei nostri animi.
Per ora questo è quanto, mi impegno ad andare avanti, a fare il mio aiutando gli altri e sorridendo appena posso. Questa sono semplicemente io.

Anna indossa gioielli proposti da GIANNI Gioielleria

-E l’esperienza di Miss Montecatini come è stata?
Quest’estate ho avuto l’occasione di partecipare a Miss Montecatini, e come tutte le ragazze che partecipano confermo il fatto che è come stare in una grande famiglia. Sembra una frase da copione, ma è assolutamente vero. Il tempo passato a provare, ripassare, truccarsi e pettinarsi con le partecipanti non è poco, ti dà modo di raccontare e sentire esperienze nuove.
Lo staff composto dalle cordialissime makeup artist di Homa91 e i simpaticissimi parrucchieri di Sandro e Stefano parrucchieri ti accompagnano per tutta la serata. Infine, ma in realtà stanno alla base, ci sono Vito, Noemi e Fatima che con pazienza e disponibilità hanno organizzato la serata stessa. Partendo dal backstage, coordinando tutte noi ragazze, per concludere addirittura sul palco, presentando ed esibendosi.
Inoltre, vincere il secondo posto, ovvero la fascia di Gianni Gioielleria è stata un’emozione inconfondibile. È stato un piacere enorme entrare a far parte anche della loro di famiglia, accogliente e divertentissima!
In definitiva è stata sicuramente un’esperienza unica, alla quale tornerei a partecipare (magari in veste di cantante, chissà!)

  • Anna Gorbunova
  • Anna Gorbunova
  • Anna Gorbunova
  • Miss Eva Kant
  • Anna Gorbunova

-A proposito di canto, raccontaci un po’di questa tua altra ardente inclinazione…
La mia passione per il canto nasce all’età di 10 anni, in realtà per caso, quando la scuola offriva delle lezioni durante il pomeriggio, e mia madre sentendomi sempre intonare, o almeno provarci, tutte le melodie che sentivo decise di mandarmici. È stato il mio secondo approccio allo studio della musica, dopo il pianoforte, una disciplina tanto ammaliante quanto laboriosa. In sostanza, da quel momento lì non smisi più di vocalizzare per i restanti 8 anni. Negli anni ho cambiato molti insegnanti, permettendomi di variare stili e metodi di apprendimento.
Quest’anno ho avuto modo di cominciare a ricevere le mie prime soddisfazioni, riuscendo ad esibirmi in pubblico durante serate, eventi e programmi televisivi. Continuo perseverando. Vorrei arrivare a fare qualcosa di grande, almeno per il mio cuore. Di conseguenza portare il mio benessere quando canto sul palco, e trasmetterlo.

-In finale ti sei aggiudicata anche la fascia di Miss EVA KANT. Cosa avete in comune con la compagna di Diabolik e cosa ti affascina della sua storia di donna?
Oltre al secondo posto, sono stata vincitrice della fascia Miss Eva Kant , che come sappiamo, oltre al fumetto è uscito recentemente anche il film con Miriam Leone.
Al di là della somiglianza fisica, trovo anche qualche caratteristica del vissuto in comune! È una donna molto forte, che ha dovuto affrontare eventi spiacevoli, ma successivamente è stata giustamente ricompensata. È una personalità ambiziosa, testarda, pragmatica. Sono aggettivi contrapposti tra di loro, che danno un senso di paradossalità, ma i quali alla fine la porteranno alla donna che è diventata. È stata in grado di portare avanti battaglie, anche metaforiche, per quanto riguarda la figura femminile come protagonista: nel mondo dei fumetti e quello reale.

Avremmo voluto farle ancora altre domande ma il fotografo la reclama. Non mancheranno altre occasioni per incontrarla e scoprire ancora qualcosa di più sulla sua vita, sia professionale che privata e magari domandarle se esiste un suo “Diabolik”…….

                                                                                                                                                                     VI.PER

Condividilo sui tuoi social

Sandro & Stefano Parrucchieri